PRESSPHOTO Firenze
30 °ERASMUS , secondo giorno
foto Gianluca Moggi/NEWPRESSPHOTO

Al Festival d’Europa, primo incontro Ambasciatori EPALE

Alessandra Ceccherelli Educazione adulti, Epale, Erasmus30

Collaborare in rete per valorizzare l’educazione degli adulti. Questo l’obiettivo generale del primo seminario nazionale degli Ambasciatori EPALE, che si è svolto a Firenze lunedì 8 maggio presso l’Istituto degli Innocenti (qui il programma della giornata). Il seminario era parte delle celebrazioni dedicate ai trent’anni di Erasmus al Festival d’Europa 2017.

Il gruppo dei 52 nuovi Ambasciatori si è riunito per conoscersi e avviare la collaborazione con l’Unità EPALE Italia per tutte le attività in programma nel 2017/18. Sono loro gli esperti di educazione degli adulti che hanno superato la selezione del bando di inizio anno, e che si sono offerti per contribuire al lavoro di EPALE in Italia, a titolo completamente gratuito, con l’obiettivo di rendere l’educazione degli adulti più conosciuta, e riconosciuta, e per questo più efficace in tutte le sue proposte, sia nell’ambito formale che non formale.

Venturi_PagliaiLa coordinatrice dell’Agenzia Erasmus+ Indire, Sara Pagliai, ha aperto i lavori del seminario ricordando lo spazio importante che il Programma ha progressivamente riconosciuto all’educazione degli adulti, sin dal 2000 con l’avvio del programma settoriale Grundtvig, e dell’impegno crescente dell’Agenzia nel dedicare attenzione a questo ambito, da cui è scaturita la decisione di scegliere l’occasione delle celebrazioni ufficiali per i 30 anni per questo primo, significativo incontro con i nuovi Ambasciatori.

Con quasi 3000 iscritti italiani alla piattaforma EPALE, che rappresentano l’8,5% del totale europeo (circa 25.500 utenti), il nostro paese ricopre un ruolo di primo piano nel successo di questa iniziativa europea, ed è questa una delle ragioni per cui il modello italiano degli Ambasciatori è considerato con particolare attenzione a livello europeo, ed ha spinto l’Unità EPALE Italia a investire sempre più su questa scelta organizzativa per le sue attività.

Dopo aver “giocato” a socializzare in un frenetico “speed date” a tempo ridotto, si sono svolti i gruppi di lavoro dedicati ai temi prioritari individuati dall’Unità EPALE per il piano dei contenuti e delle attività dei prossimi mesi: migranti, istruzione degli adulti e alfabetizzazione di base (CPIA), educazione in carcere e spirito di iniziativa e imprenditorialità per l’occupazione.

Nella giornata di lavoro è stato quindi tracciato un primo profilo operativo del nuovo gruppo e avviata l’organizzazione delle modalità di collaborazione nelle diverse attività previste da EPALE.

In particolare gli Ambasciatori sono chiamati a mettere la propria esperienza al servizio di:

– implementazione di nuovi contenuti e discussioni tematiche all’interno della piattaforma EPALE,

– supporto organizzativo per gli eventi informativi e promozionali, sia per i seminari nazionali tematici, sia proponendo interventi su EPALE in eventi locali dedicati all’educazione degli adulti,

– fungere da raccordo per il lavoro delle reti esistenti o l’avvio di nuove reti, da convogliare nella community europea di EPALE.

Al termine dei gruppi di lavoro, i cui risultati con le proposte emerse saranno pubblicati prossimamente in questo sito, gli Ambasciatori sono saliti sul palco del Festival per ricevere la loro nomina ufficiale dalla coordinatrice dell’Agenzia Erasmus+ Indire, Sara Pagliai, e dal Capo Unità EPALE Italia, Lorenza Venturi.

 

Slide delle presentazioni:

Panoramica EPALE, attività svolte e piani futuri – Lorenza Venturi, Daniela Ermini, Alessandra Ceccherelli, Unità EPALE Italia

Il contributo degli Ambasciatori EPALE alle attività: contenuti, focus tematici, collaborazioni e user engagement – Martina Blasi, Unità EPALE Italia

 

Elenco Focus tematici e link alle pagine mensili già pubblicate

 

Guarda il video servizio dell’Agenzia DIRE

 

Album fotografico dell’evento:

Festival D'Europa 2017 - Incontro Ambasciatori EPALE

 

Alessandra Ceccherelli

Comunicazione EPALE Italia

foto: Giacomo Scarzanella