Il Servizio Volontario Europeo (SVE)

admin

girl-438139_1920

Il Servizio Volontario Europeo (SVE) offre ai giovani tra i 17 e i 30 anni l’opportunità di svolgere un’attività di volontariato in un Paese del programma o al di fuori dell’Europa, per un periodo che va da 2 a 12 mesi, impegnati come “volontari europei” in progetti locali in vari settori o aree di intervento: cultura, gioventù, sport, assistenza sociale, patrimonio culturale, arte, tempo libero, protezione civile, ambiente, sviluppo cooperativo, ecc.

Lo SVE costituisce un’esperienza di apprendimento interculturale in un contesto non formale, promuovendo l’integrazione sociale e la partecipazione attiva dei volontari coinvolti. Attraverso questa esperienza i giovani hanno l’opportunità di entrare in contatto con nuove culture, esprimere solidarietà verso gli altri e acquisire nuove competenze e capacità utili alla loro formazione personale e professionale.

Attenzione! Per presentare un progetto SVE all’Agenzia Nazionale per i Giovani e richiederne il finanziamento non è possibile agire a titolo individuale, ma è necessario che a proporre il progetto sia un’associazione o un ente locale accreditato per farlo.

Se sei un/una giovane tra 17 e 30 anni interessato/a a partecipare ad un progetto SVE, il primo passo da compiere è individuare l’Ente di invio accreditato (sending organization) a cui rivolgerti per candidarti volontario/a in un progetto da questa scritto insieme ad un Ente di accoglienza (hosting organization). L’Ente di invio deve essere del tuo Paese di residenza. Come trovarlo? Avvalendoti del Database europeo degli Enti SVE accreditati.

Tutte le organizzazioni coinvolte in un progetto SVE (in invio o in accoglienza) devono, infatti, essere accreditate dalle Agenzie Nazionali dei Paesi Membri che gestiscono il programma Erasmus+ settore Gioventù; il Database SVE ti consente, dunque, di conoscere le organizzazioni accreditate per l’invio nel Servizio Volontario Europeo che operano nella tua città/regione di residenza o a livello nazionale e di cosa si occupano.

Individuato uno o più enti di invio di tuo interesse, potrai contattarlo/i ai riferimenti riportati nel database per avere le informazioni di cui necessiti e aiuto nella ricerca di un progetto per il quale candidarti come volontario/a.

In aggiunta a questo, puoi anche consultare il Database delle opportunità SVE, che presenta i progetti per i quali puoi candidarti come volontario/a.

Ogni organizzazione/ente pubblico locale o regionale situata in un Paese aderente al Programma, in un Paese dell’Europa sudorientale o in un Paese dell’Europa dell’Est e Caucaso che desideri inviare o ospitare volontari SVE o coordinare un progetto SVE deve essere accreditata. I promotori provenienti da altri Paesi possono partecipare a progetti SVE senza accreditamento.
Attenzione! Dal 2015 anche per i Paesi del Mediterraneo è obbligatorio essere in possesso dell’accreditamento per poter partecipare ai progetti SVE.

Per tutti i dettagli su come richiedere l’accreditamento, vedi paragrafo successivo.

SCADENZE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

ANNO 2017 ERASMUS+:GIOVENTU’ IN AZIONE

SCADENZA TIPOLOGIA DI AZIONE CHIAVE
2 Febbraio 2017 KA1 – KA2 – KA3
26 Aprile 2017 KA1 – KA2  – KA3
4 Ottobre 2017 KA1 – KA2  – KA3

L’accreditamento è una procedura pensata per assicurare costantemente gli alti standard dello SVE e aiutare le organizzazioni a trovare dei partner; è un processo di controllo di qualità che facilita la comunicazione tra il promotore e le strutture del Programma, in modo che tutte le parti coinvolte siano consapevoli dei valori, degli obiettivi e dei ruoli dello SVE. Tutte le organizzazioni accreditate devono dimostrare di essere in grado di implementare progetti SVE in conformità alle norme del programma Erasmus+.

Le organizzazioni italiane che intendano accreditarsi per diventare promotori SVE devono inoltrare in qualsiasi giorno dell’anno richiesta all’Agenzia Nazionale attraverso il modulo denominato Accreditamento delle organizzazioni di volontariato giovanile 2017. In esso descrivono la loro motivazione generale a realizzare progetti SVE e le idee previste per le attività del servizio.

Per la valutazione della richiesta di accreditamento l’Agenzia competente impiega 6 settimane, che possono condurre all’accreditamento oppure al respingimento della richiesta con motivazioni. Se accreditata, l’organizzazione potrà essere promotrice di un progetto SVE e varrà inserita nel Database Europeo degli enti SVE accreditati.

E’ bene inoltrare la richiesta di accreditamento entro i 3 mesi precedenti la data di scadenza per la presentazione dei progetti, al fine di poter garantire il rispetto dei tempi di valutazione della stessa.

In caso di richiesta di accreditamento per le ricezione di volontari europei è bene allegare alla richiesta un timetable delle attività e foto delle strutture presso le quali i volontari svolgeranno il loro servizio e alloggeranno (utilizzando un file word o excel con più foto).

I documenti sottostanti, insieme alla Guida al Programma, forniscono elementi utili alla comprensione del Servizio Volontario Europeo:

La Commissione Europea ha realizzato i seguenti documenti per i volontari SVE in partenza, che costituiscono il cosiddetto EVS Info Kit. Le Organizzazioni di Invio incaricate della formazione pre-partenza hanno il dovere di diffonderli a tutti i volontari e di supportare adeguatamente questi ultimi nella comprensione dei contenuti.

L’EVS Info Kit è costituito da:

  1. Welcome letter
  2. What to expect from EVS
  3. Volontari in Erasmus+: istruzioni per l’assicurazione sanitaria
  4. Information about Youthpass in EVS

A questi documenti si aggiunge l’EVS Charter (EN), che definisce i ruoli delle organizzazioni di invio, di ricezione e di coordinamento e i principi e gli standard di qualità dello SVE.

Per ulteriori dettagli e aggiornamenti consultare il sito della Commissione Europea: http://ec.europa.eu/youth/tools/evs-info-kit_en.htm.

Tutti i promotori italiani (siano essi beneficiari di progetti approvati dall’Agenzia Nazionale Italiana o partner di progetti approvati dall’Agenzia Esecutiva e/o da altre Agenzie Nazionali) che dovranno ospitare volontari SVE provenienti da Paesi non appartenenti all’UE (inclusi i volontari SVE provenienti da Turchia e Croazia), in concomitanza con la trasmissione della propria richiesta di visto di ingresso in Italia per i volontari all’Ambasciata o al Consolato d’Italia all’estero di competenza, sono invitati a richiedere all’Agenzia Nazionale italiana (ANG) la lettera di supporto alla suddetta richiesta di visto.
La richiesta all’ANG italiana dovrà essere inviata agli indirizzi di posta elettronica a.corasaniti@agenziagiovani.it e direzione@agenziagiovani.it e dovrà essere corredata dell’apposito modulo Dati visa volontari completo di tutti i dati richiesti.

Al fine di permettere una tempestiva istruttoria della pratica, si precisa che la richiesta della lettera di supporto deve essere fatta rispettando i tempi di presentazione delle richieste di visto alle rispettive Ambasciate o Consolati d’Italia all’estero di competenza: le richieste devono, pertanto, preferibilmente essere inoltrate in contemporanea con quelle trasmesse alle rispettive Ambasciate o Consolati d’Italia all’estero.
Si precisa, inoltre, che l’ANG invierà la lettera di supporto alla richiesta di visto di ingresso in Italia direttamente all’Ambasciata o Consolato d’Italia all’estero.

NB: Per i progetti approvati dall’Agenzia Esecutiva la richiesta deve essere corredata, oltre che del modulo sopra indicato, anche della copia della lettera di approvazione o dell’Accordo di Sovvenzione recanti le date di eleggibilità del progetto.

Modulo dati per VISA (nuovo 27-9-2017)

ATTENZIONE!
Per i volontari SVE in partenza nell’ambito del nuovo programma Erasmus+, l’ANG si riserva di comunicare eventuali aggiornamenti.


Nota per l’invio di volontari in Russia.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare le referenti per lo SVE in ANG:

Entro un mese dalla data di arrivo, il volontario ha il diritto e il dovere di partecipare alla formazione all’arrivo, che deve essere predisposta dall’Agenzia Nazionale.
Per servizi SVE superiori a sei mesi, il volontario ha anche il diritto e il dovere di partecipare alla valutazione intermedia, che deve essere predisposta dall’Agenzia Nazionale due mesi dopo la partecipazione del volontario alla formazione all’arrivo ed entro due mesi dalla data di fine servizio.

Clicca qui per consultare i rapporti annuali di formazione e valutazione dal 2010.

La convocazione dei volontari SVE alle sessioni di formazione e valutazione avviene per tutti i volontari tenendo conto di determinati criteri, primi fra tutti la data di arrivo del volontario e l’aver partecipato alla formazione all’arrivo (per quanto riguarda la convocazione alla valutazione intermedia).

CHI REALIZZA LA FORMAZIONE E VALUTAZIONE DEI VOLONTARI  

La FORMAZIONE ALL’ARRIVO per conto dell’ANG è realizzata dall’RTI AMESCI/ENAIP.
Contatti: Tel. 081.19811450, Cell. 334.5318969, Email: info@evstraining.eu

La VALUTAZIONE INTERMEDIA per conto dell’ANG è realizzata dall’RTI CEMEA DEL LAZIO/RISORSE snc.
Contatti: Tel. 06.45.49.32.53, Email: training@replaynet.eu, Webpage: www.replaynet.eu

Linee guida della Commissione sugli standard di qualità della formazione e valutazione SVE

COME PROCEDERE ALL’ISCRIZIONE 

read-720528_1920

Una volta ricevuta comunicazione dell’approvazione dei progetti da parte dell’Agenzia Nazionale o Esecutiva, le organizzazioni di coordinamento devono contattare immediatamente l’Agenzia Nazionale, fornendo i dati necessari e aggiornati relativi ai volontari. Come? Utilizzando il modulo di iscrizione sottostante, affinché l’ANG possa organizzare le sessioni di Formazione e Valutazione. Referente per l’EVS Training & Evaluation Cycle in ANG è Fabiana Di Carlo (f.dicarlo@agenziagiovani.it).

Modulo di iscrizione 

Ogni variazione delle date di servizio deve essere preventivamente autorizzata dall’ANG.

CALENDARIO DELLE SESSIONI DI FORMAZIONE E VALUTAZIONE

Le date delle prossime sessioni di Formazione all’arrivo e Valutazione intermedia per i volontari SVE sono:

2016- 2017- 2018
Formazione all’arrivo Valutazione intermedia
COAT 1 11-18 dicembre 2016, Nola (NA) MTE 1 23-26 novembre 2016
COAT 2 11-18 dicembre 2016, Nola (NA) MTE 2 13-16 dicembre 2016
COAT 3  16-23 gennaio 2017, Nola (NA)

COAT 4  16-23 gennaio 2017, Nola (NA)

MTE 3 24-27 gennaio 2017
COAT 5
25 gennaio-1 febbraio 2017, Nola (NA)COAT 6 e 7
16-23 febbraio 2017 , RomaCOAT 8-9 
8-15 marzo 2017, Nola (NA)COAT 10
7 – 14 aprile 2017, Roma

COAT 11 e 12
18 maggio – 25 maggio 2017, Roma

COAT 13
15-22 giugno 2017, Roma

COAT 16
5-12 ottobre, Roma

COAT 17
15-12 ottobre, Roma

COAT 18
22-29 ottobre, Nola (NA)

COAT 19
13-20 novembre, Genova

COAT 20
23-30 novembre, Roma (da confermare).

MTE 4 07-10 febbraio 2017, Civitavecchia (RM)

MTE 5 28 febbraio-3 marzo 2017, Vitorchiano (VT)

MTE 6
21-24 marzo 2017, Vitorchiano (VT)

MTE 7
10-13 aprila 2017, Catania

MTE 8
11-14 aprile 2017, Vitorchiano (VT)

MTE 9
23-26 maggio 2017, Civitavecchia (RM)

MTE 10 e 11
13-16 giugno 2017, Vitorchiano (VT)

MTE 12
18-21 luglio 2017, Civitavecchia (RM)

MTE 13 25-28 luglio 2017, Vitorchiano (VT)

MTE 14 26-29 settembre 2017, Civitavecchia (RM)

MTE 15 17-20 ottobre 2017

MTE 16 14-17 novembre 2017

MTE 17 12-15 dicembre 2017 

MTE gennaio
23-26 gennaio 2018
30 gennaio – 02 febbraio 2018

MTE febbraio
20 – 23 febbraio 2018
27 febbraio – 02 marzo 2018

MTE marzo
20 – 23  marzo 2018
27 – 30 marzo 2018

reminder-279903_1920NOVITA’! IL PARTICIPANT REPORT EVS
Con Erasmus+ ogni volontario SVE compila, al termine del suo servizio, il report relativo alla sua esperienza di mobilità. Attenzione, dunque! È molto importante che il mentor segua il volontario (in special modo se con minori opportunità) nella fase finale del suo servizio, per supportarlo nella compilazione/preparazione del/al report una volta tornato a casa. Il volontario riceverà direttamente via email dal Mobility Tool+ il report da compilare, il giorno stesso della fine del suo servizio.
Modello di participant report SVE (solo per consultazione da parte del mentor)

I volontari SVE devono essere registrati nel piano assicurativo della compagnia CIGNA. Qui di seguito utili documenti in merito:

Per informazioni e chiarimenti contattare le referenti SVE in ANG:

Richiesta del codice fiscale temporaneo per stranieri UE a fini medici
Qui di seguito è possibile scaricare la modulistica utile per la richiesta del codice fiscale temporaneo per i volontari SVE ai fini medici. Il codice fiscale temporaneo  consente ad un volontario SVE in Italia di effettuare esami specialistici o recarsi da un medico di base evitando di usufruire del pronto soccorso.

Modulo di richiesta
Istruzioni per la compilazione

Una volta compilato, occorre consegnare il modulo presso l’Agenzia delle Entrate insieme alla carta d’identità. Il codice fiscale temporaneo viene recapitato presso il domicilio indicato nel modulo.

Uccellino OLSIl Supporto Linguistico Online (Online Linguistic Support – OLS) è uno strumento pensato dalla Commissione Europea per facilitare i partecipanti ai progetti di mobilità del Programma Erasmus+ nell’apprendimento della lingua.

Nel settore Gioventù di Erasmus+, in particolare, OLS sostiene l’apprendimento linguistico che i volontari realizzano partecipando al Servizio Volontario Europeo. Grazie ad OLS, i volontari SVE di lungo termine (con servizi di durata superiore ai 2 mesi) hanno due opportunità:

  1. valutare le proprie competenze nella lingua straniera usata durante il Servizio;
  2. se richiesto dal Beneficiario, i volontari coinvolti nel progetto potranno seguire un corso di lingua online, durante lo svolgimento del Servizio, per migliorare le proprie competenze linguistiche.

Il tool è disponibile all’indirizzo www.erasmusplusols.eu.

DUE TIPOLOGIE DI LICENZE LINGUISTICHE
La Commissione Europea mette a disposizione dei volontari SVE due tipologie di licenze:

  1. la licenza relativa alla valutazione linguistica (language assessment);
  2. la licenza relativa al corso di lingua (language preparation).

L’ allocazione delle licenze avviene attraverso una procedura a cascata: la Commissione Europea assegna le licenze all’Agenzia Nazionale, questa a sua volta le distribuisce ai Beneficiari delle Convenzioni di Sovvenzione i quali le forniscono al volontario.

Persona di contatto per l’allocazione delle licenze linguistiche presso l’Agenzia Nazionale Italiana è Fabiana Di CarloPer supporto e informazioni su OLS è possibile contattare f.dicarlo@agenziagiovani.it/ 06.37591216 e a.corasaniti@agenziagiovani.it/ 06.37591246.

IL TEST DI VALUTAZIONE LINGUISTICA
La valutazione linguistica è attualmente disponibile nelle lingue francese, inglese, italiano, olandese, spagnolo e tedesco; da settembre 2015 saranno probabilmente disponibili anche le lingue ceco, portoghese e svedese.

La valutazione linguistica è obbligatoria e deve essere effettuata dal volontario due volte: prima della partenza e al suo rientro, in modo da testare il progresso avuto nella lingua utlizzata durante la mobilità. Il test di valutazione riguarda le seguenti abilità linguistiche: ascolto, scrittura e lettura, in accordo con il Common European Framework of Reference  for Languages (CEFR). Il secondo test viene inviato al volontario in automatico dal Mobility tool+ 15 giorni prima della data di fine servizio. I risultati della valutazione linguistica saranno visibili al volontario e al Beneficiario, ma non alle altre organizzazioni partner del progetto.

Dopo aver effettuato il test di valutazione linguistica pre-partenza, il volontario, se selezionato dal Beneficiario e indicato nell’EForm di candidatura, potrà accedere al corso di lingua ed usufruirne gratuitamente.


REGOLE PER L’ALLOCAZIONE DELLE LICENZE AI BENEFICIARI DI SOVVENZIONE

  1. Dal 2015 la licenza di valutazione deve essere allocata al volontario e il test svolto prima della partenza; se la licenza di valutazione non è richiesta dal Beneficiario all’interno dell’EForm di candidatura, l’Agenzia Nazionale può allocarla d’ufficio.
  2. Il volontario può beneficiare del corso di lingua se svolge il test di valutazione e se il Beneficiario alloca a lui la licenza relativa al corso di lingua; quest’ultima deve, pertanto, essere richiesta all’interno dell’EForm di candidatura e se il Beneficiario dimentica di farlo, non può essergli assegnata d’ufficio dall’Agenzia Nazionale.
  3. Se il corso di lingua non è stato richiesto nell’EForm di candidatura, non potrà essere richiesto successivamente.
  4. Se un volontario interrompe il servizio e non ha utilizzato la licenza di valutazione, questa può essere riallocata dal Beneficiario; se un volontario interrompe il servizio e la licenza di valutazione è stata utilizzata, in caso di sostituzione del volontario, il Beneficiario può richiedere all’Agenzia Nazionale di riallocare una nuova licenza di valutazione.
  5. Se un volontario interrompe il servizio avendo avviato il suo corso di lingua anche con un solo accesso, il nuovo volontario potrà usufruire di una nuova licenza relativa al corso laddove il Beneficiario avvii una richiesta di emendamento alla Convenzione di Sovvenzione.
  6. Se nell’EForm di candidatura viene richiesto il supporto linguistico monetario ed è disponibile il corso online, l’Agenzia Nazionale può allocare la licenza relativa al corso di lingua; se nell’EForm di candidatura è stato richiesto il corso di lingua online, ma non è disponibile nella lingua indicata,il supporto linguistico richiesto può essere convertito in supporto monetario d’ufficio dall’Agenzia Nazionale.

DOPO L’ALLOCAZIONE DELLE LICENZE, LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO
Una volta allocate le licenze al Beneficiario, la persona di contatto indicata da questi nell’Eform di candidatura riceve da OLS le credenziali di accesso e può procedere a sua volta ad allocare le licenze ai volontari, scegliendo la lingua e i tempi di realizzazione del primo test di valutazione.

Il volontario, ricevute via email le credenziali di accesso al test di valutazione, deve effettuare il test prima della sua partenza ed entro i tempi indicati. Dopo aver inviato il test, se selezionato, potrà accedere al corso di lingua on line; qualora entro 30 giorni non accede al corso, la licenza gli viene automaticamente revocata.

Il secondo test di valutazione, al rientro a casa, viene inviato al volontario entro 2 settimane prima della fine del servizio.

Qui di seguito alcuni importanti STRUMENTI DI FACILITAZIONE ALL’USO di OLS: