Il Programma


Storie e buone pratiche

Formazione professionale
Inclusione e diversità

A ValueAble network

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Partenariati Strategici

Il progetto

A ValueAble network, coordinato dall’Associazione Italiana Persone Down, è una buona prassi di Partenariato Strategico finanziata in Erasmus+ nel 2017, che ha creato una rete europea di aziende che operano nel settore dell’ospitalità e che sono disposte ad offrire stage o impiego a persone con sindrome di Down e altre Disabilità Intellettuali (DI). Oggi la rete ValueAble (www.valueablenetwork.eu), nata per valorizzare al meglio gli effetti della mobilità transnazionale effettuata con Erasmus+ da parte di soggetti con sindrome di Down, è presente in Italia, Spagna, Portogallo, Germania, Ungheria e Turchia e vanta già 100 aziende aderenti. Nell’ambito del progetto ValueAble, oltre 100 persone con DI hanno già avuto l’opportunità di lavorare nel proprio Paese e dimostrare, che possono dare un contributo significativo alle imprese, come ormai riconoscono i loro datori di lavoro. Proprio per diffondere tale prassi è partita la fase di mobilità internazionale del progetto nella quale alcuni stagisti con DI trascorrono il loro periodo di formazione all’estero, mentre i manager delle imprese possono usufruire di specifici moduli di formazione online su tematiche generali e legate al lavoro, relative alla disabilità intellettiva. Le persone con DI che effettuano il tirocino possono usufruire di una APP, sempre elaborata grazie al Programma, che li guida nelle loro operazioni lavorative quotidiane rendendoli sempre più autosufficienti. Il 21 marzo 2018 a New York nella sede delle Nazioni Unite il progetto ha presentato la propria esperienza in occasione della tredicesima Giornata mondiale della sindrome di Down (World Down Syndrome Day – WDSD) rappresentando l’Europa e la European Down Syndrome Association come esempio di buona prassi di inclusione lavorativa di persone con disabilità intellettive (DI).

Paesi Partner

Germania, Spagna, Portogallo, Turchia e Ungheria