Formazione professionale


Erasmus+ sostiene la crescita di quanti lavorano nel settore dell'istruzione e della formazione professionale mediante periodi di formazione all'estero come tirocini, attività di job shadowing o periodi di osservazione presso un istituto o un'altra organizzazione pertinente con sede in un paese Erasmus+. Tra queste possono figurare imprese, enti pubblici, partner sociali, istituti di ricerca e organizzazioni non governative.

Gestione dei partenariati

Il beneficiario deve sempre tener presente quelli che sono gli strumenti necessari per la gestione del progetto

Il beneficiario deve sempre tener presente quelli che sono gli strumenti necessari per la gestione del progetto di mobilità.

L’Accordo finanziario (Convenzione di Sovvenzione” ed allegati) è considerato il documento ufficiale che stabilisce i compiti delle parti in causa: Agenzia Nazionale e Coordinatore.

Mobility Tool+: per la gestione del progetto e la reportistica

Il mobility tool+ è un altro strumento importante messo a disposizione dalla Commissione europea. Questo è una piattaforma web che deve essere utilizzata obbligatoriamente dal Coordinatore allo scopo di gestire e rendicontare i progetti Erasmus+. Relativamente ai propri progetti, il Coordinatore troverà nella piattaforma molte informazioni già precompilate ma potrà ovviamente inserire ogni modifica relativa alle attività progettuali, agli organismi partner e al budget.

Il sistema consente inoltre di generare i rapporti intermedio e finale del progetto.

Strumenti  per la gestione del progetto

Vademecum per la gestione degli eventi derivanti dall’emergenza COVID-19

Il documento si rivolge ai Beneficiari dei progetti, afferenti alle Azioni KA1 e KA2 – Call 2017-2018-2019, in corso di implementazione con l’obiettivo di supportare gli organismi e i partecipanti coinvolti, nella gestione e nella rendicontazione di tutti gli eventi generati dall’emergenza sanitaria da Covid-19, così come regolamentato dalla Commissione Europea.

Crisi Ucraina – Note per la rendicontazione
Nel contesto dell’allarmante situazione in Ucraina, confermiamo che la clausola di forza maggiore può essere invocata per una cessazione anticipata delle attività progettuali che si svolgono in Ucraina o in Russia. Questa opzione si applica anche a qualsiasi attività o mobilità in corso in un paese terzo Erasmus+ vicino all’Ucraina, dove esistono rischi correlati. Anche i partecipanti di ritorno da tali paesi dovrebbero essere completamente reintegrati nell’organizzazione di invio, mentre dovrebbe essere esplorata la possibilità di continuare le attività in modalità virtuale con l’istituzione/organizzazione ospitante. I costi del rientro anticipato, se debitamente giustificati, saranno ammessi a finanziamento come costi eccezionali e soggetti alle consuete regole di rendicontazione. I Beneficiari possono, altresì, avvalersi del contributo destinato al “supporto organizzativo”. In attesa di ulteriori disposizioni da parte della Commissione europea, vi consigliamo di adottare un atteggiamento prudente nell’organizzare attività che coinvolgono organismi russi.


<strong>Convenzione 202</strong>1 – KA210

Documentazione utile per la Convenzione di Sovvenzione 2021 – Partenariati su scala ridotta – KA210

Seminario di assistenza tecnica

Documentazione presentata in occasione del Seminario di assistenza tecnica alla gestione dei progetti approvati Erasmus+ Azione KA210 – Partenariati su scala ridotta – Ambito VET – 23 febbraio 2022

Presentazione a cura di Paola Careddu

Registrazione webinar

Seminario di assistenza tecnica

Documentazione presentata in occasione del Seminario di assistenza tecnica alla gestione dei progetti approvati Erasmus+ Azione KA2 – Partenariati strategici – Ambito VET – 21 febbraio 2022

Presentazione a cura di Paola Careddu

Registrazione webinar

<strong>Seminario di assistenza tecnica</strong>

Documentazione presentata in occasione del Seminario di assistenza tecnica alla gestione del progetti approvati Erasmus+ Azione KA2 – Partenariati strategici – Ambito VET – 22 ottobre 2018

Scopri di più su questo Settore

Storie e buone pratiche

Pubblicazioni